Angela Calderaro
colorandosi di immagini palpitanti e profonde
 
un lieu de rencontre
pour l'Art et de Créativité…
informations sur l'artiste
 
les textes sont présentés avec les langues proposées par l'auteur
profil
salle peinture
Italia (Italie) 




Angela Calderaro è nata nel 1964 a Taranto, dove ha conseguito la maturità artistica. Attualmente vive e dipinge le proprie opere a Ladispoli, una cittadina in provincia di Roma.
Molteplici sono i premi conseguiti con coppe, trofei e diplomi alle diverse mostre e rassegne alle quali ha partecipato, fra cui: Accademia d’Arte Internazionale Galassia,Tempio dell’Arte, mini personale Arte Rassegna di Roma, Arte Contemporanea sul mare al Pontile diOstia, Expo Arte di Bari, Toffia, Palestrina, Centro Culturale di Firenze, Arte Figurativa di Milano, Guidonia, Bracciano, Grottaferrata, Anguillara, ecc..
Grande soddisfazione artistica ha raggiunto nel 2004, vincendo il prestigioso premio nazionale “Giacomo Manzù”, con l’opera “Ricordi”.
Tra i critici d’arte che hanno parlato di lei, si citano: A. Muscella, A. Iorio, F. Conte eV. Cracas. Hanno pubblicato articoli delle sue opere, Il Messaggero, Il Tempo, Corriere del Giorno, La Nazione, Quotidiano, Ostia Oggi, L’Ortica, L’Elite.
Le sue opere sono presenti in molte collezioni private in Italia, USA, Francia, Svizzera, Irlanda e in altre nazioni europee.

pour envoyer un message à l'Artiste

 

galerie principale



galerie paesaggi


critiques et commentaires

Attratta dall’Arte fin da giovanissima età, questa pittrice porta nelle Sue tele una esperienza ed una preparazione notevoli che le consentono di spaziare con semplicità dal paesaggio, alla natura morta, dai fiori, alle marine, evidenziando il proprio talento nell’ambito del figurativo e del paesaggio classico.
Il colore è delicato e pulito, la tecnica e il disegno sono precisi e piacevoli, la predilezione per la figura femminile le consentono una poliedria di interpretazioni ricche di misteriosi incanti, colorandosi di immagini palpitanti e profonde come se l’Artista attingesse il pennello nella Sua più intima personalità.

Angela Iorio
critica d'Arte